giovedì 11 maggio 2017

La musaka serba di Pata Markovic

Petronilla.
Un nome poco diffuso ai tempi nostri, ma che è suonato familiare a chi leggeva il Corriere della Sera negli anni 30 e 40, quando con questo pseudonimo, Amalia Moretti scriveva una rubrica con consigli di economia domestica e di cucina alle donne del tempo, che dedicandosi quasi esclusivamente alla casa, si dovevano occupare anche di far quadrare i conti con la lista della spesa...

In quegli stessi anni, era il 1939, in terra serba un'altra grande donna pubblicò a Belgrado un libro che raccoglieva ricette della tradizione. Era Pata Markovic e dal suo volume "Il mio libro di cucina" è tratta questa musaka di patate, con cui partecipo alla rubrica "la voce degli altri" dedicato proprio a Pata Markovic, la Petronilla serba collega della Petronilla a cui oggi il Calendario del Cibo Italiano dedica la giornata.
Calendario del cibo italiano
La musaka, o moussakà in greco, altro non è che un pasticcio tipico delle zone mediorentali-greche-balcaniche fatto principalmente di carne e declinato poi a seconda delle disponibilità della dispensa in mille varianti: in Grecia si aggiungono besciamella e melanzane, in Serbia si aggiungono patate, eventualmente zucchine o altre verdure e spezie.

Questa versione, tratta dal libro di Pata Markovic, che mi è stata fatta conoscere da Marina, è di ispirazione serba, dunque niente melanzane. Al loro posto ci sono le patate e (nella mia aggiunta) le zucchine fritte.

L'economia domestica è decisamente al sicuro: come per il popolare e fiorentino spezzatino del Pelliccia, anche in questo caso, ci son di molte patate e poca ciccia!


Moussaka di patate


Musaka serba di patate
per 6 persone

500 g di carne macinata  di vitellone
4 zucchine (mia variante)
4 cipollotti
2 uova
olio extravergine d’oliva
sale e pepe
acqua
1 chilo e mezzo di patate (5-6 grosse patate)
prezzemolo

Moussaka di patate Moussaka di patate

In un largo tegame fai rosolare i cipollotti e la carne. Regola di sale e di pepe.

Friggi le zucchine, precedentemente tagliate a rondelle.

Sbuccia le patate e affettale a circa 3-4 mm (non devono essere proprio trasparenti ma neanche spesse un dito). Ungi una teglia rettangolare che può andare in forno e comincia a disporre a strati le patate (che vanno salate ogni volta), un po di zucchine fritte e la carne, distribuendola in modo da continuare ad intravedere lo strato di patate che sta sotto.

Moussaka di patate


Termina con uno strato di patate.
Sbatti 2 uova con il liquido rimasto nel tegame, aggiungi 1 tazzina da caffè di acqua, regola di sale e di pepe e aggiungi 1 cucchiaio di prezzemolo tritato.
Versa il liquido sulla musaka.
Copri con un foglio d’alluminio e metti in forno a 180° già caldo.
Dopo mezz'ora togli il foglio d’alluminio, versa un filo d’olio sopra le patate e prosegui con la cottura per un'altra mezz'ora.
Verso la fine aumenta la temperatura.
Lascia “riposare” almeno 15 minuti prima di servire.

Moussaka di patate

6 commenti:

  1. ricette da conservare e proporre a chi non le ha conosciute ... complimenti

    RispondiElimina
  2. Grande Gaia ! La musaka unisce i popoli 😊

    RispondiElimina
  3. I popoli e le acquoline in bocca! Mamma mia che voglia di provarla...

    RispondiElimina
  4. Conoscevo la versione greca con le melanzane e la besciamella, questa mi sembra altrettanto gustosa e buona per tutte le stagioni, bravissima!

    RispondiElimina
  5. Ecco un nuovo modo per far mangiare le verdure alla Pulce recalcitrante. ...e il libro "le ricette di Petronilla" era il libro di cucina per eccellenza della mia nonna: io mi divertivo a leggerlo perché ogni ricetta è preceduta da un racconto o da un consiglio. .. la buona Amalia Moretti poi ho scoperto non era solo una "brava massaia" che si dedicava a spignattare, ma era una delle prime donne laureate in Italia (in medicina). Un personaggio, anche al di là delle ricette....

    RispondiElimina
  6. Interessante la variante con le patate di Pata Markovic che anche se c'è poca ciccia rendono questo piatto gustoso e amabile da tanti, bella ricetta.

    RispondiElimina