lunedì 21 novembre 2016

Tiraminsù neh

Alè, il tiramisu!
Ecco, questo è stato il mio primo pensiero di gioia quando Susy ha svelato la ricetta della sfida MTC numero 61.
Il tiramisu, che non ho mai messo sul blog, quello di cui sono specializzata, che piace a tutti e che non manca mai a Natale.
Questa sfida si che è facile, ho pensato subito.
Poi ho letto meglio, un tiramisu sexy. Ohiohi.
Ispirato ad un'icona sexy del cinema mondiale. Ohiohi.
E ora che mi invento?

Mentre il pensiero su cosa inventarsi si offuscava sempre più, l'idea sull'icona mi si è schiarita velocemente. Ora, non sarà proprio del cinema mondiale, anche se magari si, visto che ha avuto una parte anche in un film di Hollywood, con la mia adorata Julia Roberts.
Ma in quanto a sexy non c'è dubbio.
Non vi pare?

Un sorriso e uno sguardo magnetici, intriganti, teneri, sensuali. Insomma: tanta roba.
Tanta roba fin dal suo esordio, ai tempi della prima versione del GF televisivo (e non parlo di Gluten Free), quando ancora guardavo un po' di tubo catodico e mi sa che erano parecchi anni fa, e tanta roba anche ora, che la chioma nera si è trasformata in brizzolata e gli ha regalato un look ancora più fascinoso.

tiramisu

Con Luca in mente, piano piano sono cominciati a materializzarsi pure gli ingredienti del tiramisù.
In casa nostra, in genere, il tiramisù si fa con l'orzo. Un po' per via dei pargoli, un po' per il fatto che il caffè non ci piace. O meglio, ci piacerebbe sniffare l'odore che sale dalla macchinetta, quando è pronto, ma poi lo abbandoneremmo lì dentro. Per un periodo l'abbiamo pure tenuto in casa, ma si usava solo per gli ospiti, e l'ultima volta che l'abbiamo fatto abbiamo deciso che non era il caso proseguire. Per 3 giorni, gli ospiti che abbiamo accolto per le feste di fine anno, a nostra insaputa si sono sorbiti un caffè alla gomma: la guarnizione imporrata non perdona e forse nemmeno loro, noi!

Ma nel tiramisù ci vuole il caffè, dice. E se anche non fosse così perentorio, ho deciso che il caffè ci doveva essere, non fosse altro che per onorare Argentero, il suo cuore e la sua mente, perchè 'oltre i pettorali c'è di piùùùù'... Luca, ha fondato a Torino, insieme ad alcuni amici, la ONLUS 1caffè nata dall'idea comune di offrire un caffè a qualcuno che non si conosce, sottoforma di donazione del corrispettivo di un caffè ad un progetto di solidarietà tra quelli che proposti quotidianamente da altre associazioni italiane meno conosciute.

Quindi nel tiramisù ci vuole il caffè.

E nel tiramisù dice pure che ci vogliono i savoiardi. Ecco, io sono da sempre una accanita sostenitrice del pavesino. Il pavesino che si imbeve alla perfezione, non rimane né troppo umido né asciutto ed è dolce il giusto.
Ma niente. Dopo un sondaggio lampo fatto sul re dei social, faccialibro, MTC stabilisce che ci vogliono i savoiardi. E allora me li faccio io. E il caffè lo metto nell'impasto.
Si. Ma quale caffè? Ora, con tutto il bene che voglio a questa sfida, non mi sembrava il caso di investire euri in un'altra confezione di caffè, usarne giusto il quantitativo di una tazzina e poi lasciarlo ammuffire. Allora ho rimediato passando da casa della mamma, che è sempre la mamma, e che nel dubbio mi ha rifornito di caffè macinato e pure caffè solubile.

Quindi nel tiramisù ci vogliono i savoiardi.

Penso un altro po' a Luca (che non fa mai male) e mi lascio ispirare per gli altri ingredienti.
Sarà un tiramisù con crema al mascarpone e nocciole. Nocciole piemontesi, proprio come lui.
Per la copertura ci vuole una ganache che cali giù lungo i bordi, in modo molto godurioso, e deve essere bigusto: cioccolato fondente e ovviamente gianduiotto, neh.
E con briciole di amaretti, per dare quella nota scrocchiarella che contrasta con la morbidezza del resto! E poi gli amaretti, sono tipici anche di alcune località del Piemonte (e così si chiude il cerchio)!
E poi decido di preparare una bagna al Rhum. Che non sarà piemontese e magari nemmeno tanto adatta ai miei pargoli (che comunque stan diventando grandi), ma vuoi mettere un tiramisù leggermente alcolico che ti fa superare la timidezza e ti aiuta a lasciarti andare.?....insomma, davanti (magari!!) a tanto bendiddio, ci vuole!

Poi ci ripenso, e invece di una tazzina da caffè, uso una tazza un po' più grande: perché se va fatto, va fatto a modo!


I savoiardi

Non avendoli mai preparati, non sapevo esattamente quanto sarebbero stati simili a quelli comprati, anche se tutti mi dicevano che sono tutta un'altra cosa.
E non sapendo come sarebbero venuti fuori quelli che avevo in mente, ho provato due versioni: una aggiungendo all'impasto del caffè macinato e una aggiungendo del caffè solubile.
Difficile distinguerli dall'aspetto, ma se spezzati, uno è risultato più scuro e l'altro più profumato.
Quale versione poteva essere la migliore per il tiramisù?
Per decidere, ho costretto compagno e pargoli alla prova assaggio, quella da veri intenditori (tipo Michele del Glen Grant, vi ricordate?).

tiramisu

Muniti di carta, lapis e savoiardi, ognuno si è espresso secondo i propri gusti. E' stato buffo vederli tutti intenti ad assaporare con senso critico (pure troppo), riassaggiare, cercare le sensazioni (si sono messi ad ascoltare perfino il rumore che facevanoi savoiardi, se premuti tra pollice e indice) e giustificare la propria scelta.
E poi quell'innocente ma sincero: secondo me è più buono perché è soffice e molto zuccheroso, non è granchè ma è meglio dell'altro mi ha fatto morire!! :-D

il verdetto sul savoiardo


Non me ne vogliano i puristi caffeinomani, ma alla fine hanno vinto i savoiardi aromatizzati al caffè solubile!
Ed ecco quindi la ricetta, ispirata da quella di Giulia, con le mie variazioni:



Savoiardi al caffè
(per circa 60)

110 g di farina 00
50 g di amido di mais
125 g di zucchero
100 g di albumi (meno di 4)
80 g di tuorli (di 4 uova grandi)
25 g di miele
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
2 cucchiaini di polvere di caffè solubile

Monta gli albumi a neve ed aggiungi lo zucchero in tre volte, cominciando quando hanno già raddoppiato il volume. Prosegui fino a che diventano piuttosto sodi e alzando la frusta, alla massa rimane il becco.
Mescola insieme tuorli, miele ed estratto di vaniglia ed uniscili agli albumi, con movimenti dal basso all'alto, per non smontare. Con lo stesso movimento incorpora anche la miscela di farina e amido di mais setacciata.
Fodera con carta forno un paio di teglie e usando un sac a poche forma tanti bastoncini (lunghi circa 8-10 cm) uno accanto all'altro, distanziandoli di un paio di centimetri.
Spolvera con zucchero a velo e aspetta che si asciughi prima di infornare (si formerà così la crosticina del savoiardo). Cuoci a 180° per i primi 4 minuti, poi apri lo sportello e incastraci un mestolo di legno, e prosegui la cottura (in fessura) per altri 5 minuti.
Aspetta che si freddino prima di staccarli delicatamente dalla carta forno.

tiramisu


per la ganache al cioccolato
120 g di cioccolato fondente
140 g di panna liquida


per la ganache al gianduiotto
100 g di gianduiotti
20 g di cioccolato fondente
140 g di panna liquida

Spezzetta con un coltello affilato il cioccolato (oppure cioccolato e gianduiotti). Porta al bollore la panna liquida e versala nella ciotola con le scaglie di cioccolato. Mescola con un cucchiaio fino a che il composto sarà uniforme e non ci sarà nessun grumo. Lascia raffreddare, mescolando ogni tanto.


Dopo i pavesini savoiardi, mi sono dedicata a preparare il tiramisu secondo la regola aurea di casa, che non fallisce mai e che prevede per ogni 100 g di mascarpone, 1 uovo ed 1 cucchiaio di zucchero. Nel tiramisù sexy, ho aggiunto la pasta di nocciole, aggiornando la regola aurea con 30 g di pasta di nocciole.

tiramisu

Tiraminsù neh

500 g di mascarpone
5 uova
5 cucchiai di zucchero
150 g di pasta di nocciole
60 savoiardi al caffè
150 ml di Rhum
150 ml di acqua

Usa uova a temperatura ambiente per facilitarne il montaggio.
Separa i tuorli dagli albumi e con le fruste elettriche (o la planetaria con il gancio a fragola) monta gli albumi per primi. In questo modo puoi usare le stesse fruste anche per montare i tuorli. E' bene non invertire l'ordine, altrimenti, le fruste sporche di tuorlo (che ha una componente grassa) non permetterebbero di montare gli albumi.
Quando i bianchi sono raddoppiati aggiungi uno dei cucchiai di zucchero, per stabilizzare un po' le chiare, che dovranno essere aggiunte per ultime.
Poi monta i tuorli con i restanti 4 cucchiai di zucchero fino a che non saranno belli spumosi e chiari, aggiungi la pasta di nocciole ed il mascarpone e uniforma la massa, che non dovrà avere grumi. Incorpora gli albumi montati e tenuti da parte, con movimenti delicati, dal basso verso l'alto.
In un piatto fondo prepara la bagna, mescolando Rhum e acqua.
Per ogni porzione usa una tazza da te, oppure se preferisci puoi usare una pirofila unica. Versa sulla base un leggero strato di crema, bagna leggermente un savoiardo per volta (oppure due se usi entrambe le mani in sincro) e appoggialo sullo strato di crema, copri con un po' di mascarpone, livella con il dorso del cucchiaio e prosegui fino a quasi il bordo della tazza (oppure della pirofila).

tiramisu

Quando le due ganache al cioccolato e al gianduiotto sono a temperatura ambiente, versa la copertura magari formando un cuore di gianduiotto, come quando al bar ti servono il caffè macchiato disegnando un cuore con il latte e se possibile lascia sbrodolare un po' di ganache lungo i bordi. Riponi in frigo per qualche ora (meglio ancora tutta la notte) e al momento di servire, sbriciola gli amaretti in superficie.




Affonda il cucchiaio e godi(ti il tiramisu) Luca!


l'assaggio del tiramisu

Ps ringrazio Susy per averci aperto il mondo delle GIF (non so come ho fatto a vivere fino ad ora senza).

banner_sfida MTC 61



35 commenti:

  1. Forse Argentee o non sarà un icona sexy del cinema mondiale, ma icona lo è sicuramente il tuo Tiramisù
    Fantastica la prova assaggio, succede anche qui a casa quando chiedo un giudizio su un piatto
    Un tiramisù studiato e quel cucchiaino lo affonderei anch'io
    Brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, cara Manu, la prova assaggio l'ho chiesta proprio per avere un parere spassionato, e se leggi quello di fagiolino, è proprio spassionato e spassoso: in ogni caso sincero!
      Alla fine ha vinto lui, e io ho fatto bene!

      Elimina
  2. ma che bello il verdetto sui savoiardi, in casa mia non potri farlo... per mio marito ogni cosa è ottima e mio figlio non mangia i dolci che faccio ahahha
    Bellissimo tiramisù complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. devo dire che avevo timore del risultato, ma alla fine il sondaggio è stato decisivo. Ed io, da indecisa cronica, avevo bisogno di un consiglio spassionato!
      grazie!

      Elimina
  3. Mi fa una gola che non hai idea... bellissima realizzazione Gaia!

    RispondiElimina
  4. Ciao Gaia, anch'io avrei votato il pavesino prima, ma poi ho fatto i savoiardi in casa e li ho amati! Quindi vuol dire solo che non mi piacciono i savoiardi fatti male!!! Ah! Ah! Ah! Golosissimo il tuo Tiramisù... esattamente come l'ispiratore!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, Sabrina: i savoiardi fatti in casa sono tutta un'altra cosa e, sarà perchè ho sempre usato i pavesini, secondo me assomigliano più ai pavesini che ai savoiardi industriali! Comunque è stata una bella scoperta, e come sempre, MTC una bella scuola!

      Elimina
    2. Forse hai ragione. I miei erano piuttosto bassini (tipo Pavesini) non quei cosi alti 3 cm tipo Savoiardo industriale che sembrano fatti di segatura!!!

      Elimina
  5. aiutoooooo, che golosità!! e che gran lavoro hai fatto!! due tipi di savoiardi, due ganache. Mi piace tutto di questo tiramisù, anche il legame con il bell'Argentero e la sua bella iniziativa di donare un caffè e, non ultimo l'omaggio al Piemonte con nocciole, cioccolato e amaretti. Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina, anche da parte di Argentero!
      :-D

      Elimina
  6. Che racconto divertente e che super tiramisù! Brava! Ciao ciao cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo sei letto tutto?!?!? grazie, cara Elisa

      Elimina
  7. Gaia hai detto bene, tanta roba!!!Ahhh, bello il personaggio e goloso il tiramisù,, sarà che sono una fan del cioccolato, slurp!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, goloso parecchio il tiramisu, in tutte le sue varianti e pure in tutte le versioni che son venute fuori in questo MTC!

      Elimina
  8. La GIF animata con il cioccolato che scende morbido e le bricioline di amaretto alle sei e mezza del mattino con tutto il resto della ricetta e del racconto, mi hanno lasciato senza parole! E l'idea dei savoiardi al caffè è strepitosa, forse perché io non amo i savoiardi (troppo uovosi) ma adoro il caffè. ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MA sai Claudette, che con un aggettivo hai racchiuso cio' che non riuscivo a esprimere? UOVOSI!
      E'vero, ma solo su quelli comprati. Alla fine, questi, a me sembrano più pavesini che altro, fosse solo per la forma, che è più schiacciata di quei bozzoloni industriali!
      In ogni caso , grazie e buonanotte !

      Elimina
  9. Tu sei pazza: hai fatto un tiramisù talmente gudurioso e sexy che ammazzato completamente l'icona a cui è ispirato. In confronto al tuo tiramisù, Argentero è un ragazzo!
    Sono svenuta arrivando in fondo al post: sarà che adoro amaretto e cioccolata, ma per questa tazza di libidine, potrei fare cose inconsulte.
    Troppo brava!
    PS I tuoi piccoli critici sono supermega!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, povero Argentero... Più che lo guardo e più che mi piace!
      D'altronde, pure lo strato di cioccolata sopra, ha il suo perchè, in effetti. e pure quello ci è piaciuto!
      Piccoli legumini crescono.. è un po' un'arma a doppio taglio: l'orgoglio di vederli crescere con senso critico ed essere mazzolata ben bene, chè stanno diventando esigentissimi!

      Elimina
  10. Una ricetta da sturbo, presentata in maniera sublime!!! Brava Gaia
    E poi Argentero, con quel sorriso! Sai che durante un evento, anni fa, ho conosciuto un responsabile di una multinazionale, che età identico a lui? Non ti dico cosa é successo fra le blogger 😉
    Un abbraccio bellezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Aurelia,
      che piace pure a te quel sorriso? E vogliamo parlare dello sguardo ammiccante? o di quello sorridente? o dei capelli sbarazzini?
      E come non capire le blogger impazzite, davanti a così tanta roba, anche se non del tutto originale? :-)

      Elimina
  11. Luca.... adoro.... tiramisù.... adoro.... che altro dire? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho capito. Non ti è piaciuto.
      :-D

      Elimina
    2. Fai dello spirito, ahahahahahah!

      Elimina
  12. io voglio essere adottata da voi. tutti quanti.
    mi propongo come caso umano alla onlus di argentero, che cosi magari lo muovo a compassione e mi accompagna lui, alla vostra porta, cosa dici?
    E comunque, due cose: i figlioli son due buoongustai, perche' il caffe' che va nei dolci e' quello solubile. l'altro non si scioglie (perche' non e' solubile, toh!) e rimane in bocca, con un retrogusto che proprio buono non e'.
    E la Patty c'ha ragione: ce l'hai ammazzata, la carica dexy del bel Luca, con questo tiramisu... io alla fine sbavavo sulla colata di cioccolato- e giuro che manco ho visto una delle sue foto!
    Sei assolutamente unica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo riesci a portare a questa porta, dico .. mah .... non saprei.. vediamo...
      :-)
      in quanto ai savoiardi, immaginavo che il profumo che sprigionava quello macinato rimanesse anche dopo la cottura, e si sentisse in bocca... e invece niente.
      Meno male che avevo anche quello solubile!
      L'ho già detto che MTC è una grande scuola, anche in questo?

      Elimina
  13. Come posso non approvare al 200% questo tiramisù.. non tanto per Luca (che è sempre un bel vedere), ma per questo concentrato di Piemonte in un solo dolce al cucchiaio, semplicemente delizioso!

    RispondiElimina
  14. Diciamo che non mi piace molto questo attore. Sono da ricoverare? No dai, diciamo che non mi dice niente, mentre a qualcuno fa salire la pressione. Pero' il tuo tiramisu', tira su che è un piacere. Il video poi dello "sbrodolamento" del cioccolato poi....i tuoi savoiardi sono spettacolari, io non ho avuto tempo di prepararli, ma vedendo i tuoi, cosi' belli...mi sa che ci provo. Complimenti complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come attore non è il massimo sulla scena, son d'accordo. Ma a bocca chiusa (anzi sorridente) a me fa impazzire.
      :-)

      Elimina
  15. mi associo alle altre, la carica sexy è in quella colata di cioccolato morbida e voluttuosa, altro che Argentero! (e data la mia veneranda età, manco so chi è, ma qui è un dettaglio).
    Bravissima davvero, ne affonderei un cucchiaio se lo avessi qui, adesso, e lo gusterei ad occhi chiusi. Adoro il connubio con la nocciola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Giuliana, Argentero ti perdonerà la mancanza..
      ;-)

      Elimina
  16. Io credo che la sexytudine tu l'abbia colta perfettamente, questo bel figliuolo tutto italiano ha fascino e sensualità da vendere!, accipicchia che tiramisù mozzafiato, e con quella GIF è tutto un altro mondo, ma che dico sembra di essere lì, sembra che tu possa prendere quella tazza e mentre corro subito a prendere il cucchiaino, scopro che non è vero, ma è solo virtuale....mannaggia eppure sembrava che fosse lì a portata di affondo...va bene mi toccherà restare a bocca asciutta....te possino!
    Bacio.

    RispondiElimina
  17. ahahha fantastica sexy Susy! Avrai mica bucato lo schermo del pc con il cucchiaino?!?
    Grazie ancora, mi sono divertita tanto a sperimentare, provare e montare pure le GIF!
    baci

    RispondiElimina
  18. ora... parliamone! Sono stata ore a pensare alla scena di fratelli unici in cui un Argentero al massimo della sua sensualità fissa negli occhi la malcapitata Miriam Leone in un modo che mi ha fatto scattare un ormone impazzito come non succedeva da anni, da svenimento... da dire prendimi qui, subito e ora! Ma non sono riuscita mannaggia a me a tradurlo in dolce, forse perché mi mancava tutta la conoscenza che tu hai dimostrato di questo splendido uomo. In ogni caso tutto sto pippone per dire che WOW! Sexy a mille lui e pure sto tiramisù da sturbo che cola gianduia ovunque...

    RispondiElimina