mercoledì 29 aprile 2015

Giocare con l'avena

English version below
Tutte le mattine, a colazione, una tazza di latte con una fetta di Pan brioche (quello soffice e senza burro) oppure di biscotti (ultimamente rigorosamente fatti in casa, a volte con l'aiuto di Fagiolino) non ce la toglie nessuno.
È il nostro iniziare la giornata insieme, chi più chi meno assonnato, chi più chi meno d'appetito.
Il latte è sempre quello di mucca, ma ultimamente Lenticchia non lo gradisce molto. La appesantisce un po' e non è proprio l'ideale per affrontare una giornata di sei ore di scuola con una pausa di 15 minuti.
Per questo sto sperimentando latti alternativi. Ovviamente sarebbe troppo facile e poco divertente rifornirsi di bottiglie già pronte al super.
E così tempo fa ho provato ad autoprodurre il latte di mandorle (che a me è piaciuto molto ma a Lenticchia meno).
Questa invece è la volta del latte di avena.
L'occasione è stata la voglia di pensare a qualcosa di sano e di goloso per utilizzare uno dei tanti prodotti che mi sono arrivati a casa da Nuova Terra, una realtà Toscana che già conoscevo e che da ormai vent'anni si occupa di alimentazione sana e naturale, proponendo semi oleosi, cereali biologici e mix per zuppe.
Alla vista del sacchettino di avena decorticata, mi si sono illuminati gli occhi e in un attimo davanti a me non avevo più 300gr di avena, ma il seme prezioso per i miei esperimenti golosi!!!

E visto che avevo anche un bel cestino di fragole (in attesa di raccoglierle direttamente dal balcone) ho preparato un pò di latte di avena e poi l'ho convertito in una merenda che è stata molto apprezzata!

Smoothie


Smoothie al latte di avena e fragole
(per 4 porzioni)

50 g di avena decorticata
1 litro di acqua
Fragole
Miele

Lascia in ammollo l'avena in acqua fredda per almeno 5 ore.
Sciacqua i chicchi e versali nel bicchiere del frullatore insieme a mezzo litro di acqua. Quando sono un po' frullati, mettili a cuocere per una mezz'oretta su fuoco basso, mescolando di tanto in tanto per evitare che il liquido gonfi e fuoriesca.
Lascia raffreddare. Adesso puoi filtrare il tutto e ottenere il latte di avena. Usa un colino e un panno di cotone, che strizzerai bene per ricavare il massimo del latte, che sarà bianco e di una consistenza gelatinosa. Diluiscilo con un altro mezzo litro di acqua.
Puoi conservarlo così in frigo fino a tre giorni, oppure usarlo subito per avere un ottimo smoothie vegetale/vegano.
Per ogni persona, metti nel bicchiere del frullatore 150 g di latte insieme a 50 g di fragole (che sarebbero un paio di frutti) e un cucchiaino di miele.
Aziona il frullatore fino a che le fragole non sono completamente frullate.
Servi in un bicchiere grande con una cannuccia colorata!


puzzleSmoothie


English version

Homemade oatmeal milk and strawberry smoothie
(serve 4 people)

50 g oatmeal
1 liter of water
strawberries
honey

Soak the oatmeal for at least 5 hours in cold water.
Rinse the oatmeal well then mix it in the blender with half liter of water. Blend a bit, then pour everything in a saucepan and bring to boil on low heat.
Cook for about half an hour, stirring now and then to prevent the liquid to reach the edge and come out.
Let it cool down. Now you can filter everything and gather the oatmeal milk.
Use a colander and a clean cotton cloth, pour the oatmeal in it and then squeeze well to get the most of the milk, which will be white and quite jelly-like.
Add half liter of fresh water. That's it!
You can store your oatmeal milk for a couple of day in the fridge or use it to have a delicious vegan smoothie.

For each people consider 150 ml of oatmeal milk, 50 g of strawberries (that is two fruits) and a teaspoon of honey, or as much as you like.

Switch the blender on, then blend well until strawberries have been completely dissolved.
Serve in a big glass with a coloured straw!

DrinkingSmoothie

mercoledì 22 aprile 2015

Ad occhi chiusi

Arrivo tardi, anche se avevo un sacco di idee e le mie intenzioni erano di arrivare presto e con tante torte!
 Poi c'è stato di mezzo una bella vacanza di tre giorni a Le Strade della Mozzarella, di cui vi parlerò spero presto, e di cui però ho dovuto subito scontare la pena: al mio rientro mi aspettavano ( e in parte ancora mi aspettano) un paio di pile di panni da lavare e poi stirare. E poi, attenzioni da regalare alla Lenticchia, che vive la fase pre adolescenziale e con la quale ormai abbiamo appuntamento fisso tutte le sere per seguire su YouTube una serie televisiva da teenagers (e siamo al secondo giro, adesso in lingua originale: portoghese...)
E poi, mi sono messa a correre. A parte le corse di tutti i giorni, quelle tra scuola, lavoro, casa e spesa, ora mi sono proprio messa le scarpe ai piedi e via...
Così capita che la sera, sono distrutta più del solito e l'idea di mettermi al PC e scrivere qualcosa non mi passa proprio per il cervello...
Però non potevo non mettermi di impegno per scrivere (saranno 7 giorni ormai, che lo sto facendo) questo post.
Sapete quanto sono golosa e la sfida di questo mese dell'MTC, che Maria Grazia ci ha proposto, è sul Pan di Spagna! Potevo mica rinunciare?
Il mio consiglio vivissimo è di andare a leggere e poi stampare il suo post, in cui ci svela trucchi e dispensa consigli e propone perfino 4 ricette di due maestri pasticcieri di lusso: Massari e Di Carlo.

LaTorta


Io, da golosa impenitente, ho scelto il Pan di Spagna al cacao.
Nascosto nel cuore di un goloso quadrato di bavarese alla nocciola e lucidato di glassa al cacao (che avevo usato anche per la setteveli), appoggiato su un disco croccante di cioccolato e cereali e decorato da una squadra di rossi lamponi.
Una torta speciale, da gustare ad occhi chiusi, per il compleanno tondo tondo del nonno di casa: il mio babbo!

PanDiSpagnaStrato


Pan di spagna al cacao (di Leonardo di Carlo)
(per una tortiera di 20 cm di diametro e 4 cm di altezza)

115 g di tuorli (sono 6 uova)
125 g di zucchero semolato
125 g di albume
25 g di farina 00
25 g di fecola di patate
25 g di cacao amaro in polvere
50 g di burro
0,5 grammi di sale (è la punta di un cucchiaino)
2 g di scorza di limone grattugiata

Se usi una planetaria e hai a disposizione una sola ciotola, suggerisco di montare gli albumi per prima cosa. In questo modo, non importa lavare la ciotola, per passare alla fase di montatura dei tuorli. Se invertissi l'ordine, invece, dovresti pulire bene la ciotola prima di montare gli albumi, dato che il grasso contenuto nel giallo dell'uovo rende difficile montare poi le chiare.
Quindi:
monta gli albumi a neve e quando sono un po' gonfi, versa 25 grammi di zucchero presi dal totale. Continua a montare fino a che non avrai una consistenza cremosa e non troppo dura.
Metti da parte e nella ciotola della planetaria versa i tuorli, i 100 grammi di zucchero, il sale e la scorza grattugiata del limone. Monta bene la massa fino ad ottenere un composto gonfio e pallido e che se preso con un cucchiaio, cala lentamente e forma una punta.
Setaccia due volte farina, fecola e cacao.
Unisci un po' di albumi montati a neve e le polveri alla montata di tuorli, mescola per amalgamare e prosegui un po' alla volta fino a terminare gli ingredienti.
Sciogli il burro ed aspetta che la temperatura scenda a 45°C. A quel punto, prendi un paio di cucchiai di composto e uniscilo al burro, in modo da ottenere una consistenza più spumosa. Inserisci il burro nel composto piano piano, con movimenti dal basso verso l'alto.
Versa la massa nella tortiera imburrata e leggermente infarinata.
Cuoci in forno a 180°C per circa 25 minuti. Il pan di spagna è cotto quando, premendo delicatamente le dita sulla sua superficie, non rimangono le impronte.

Disco di cioccolato e cereali

40 g di anellini di cereali (quelli da tuffare nel latte, a colazione)
100 g di cioccolato fondente
20 g di cioccolato al latte

Spezzetta in modo grossolano gli anellini con un coltello (o la mezzaluna della nonna).
In una ciotola di vetro capiente, sciogli il cioccolato a pezzetti nel microonde, poi unisci gli anellini e mescola in modo da rivestirli bene. Spandi poi il composto su un ripiano coperto di carta forno e livella (puoi usare un matterello e un altro foglio di carta forno da appoggiare sul cioccolato).
Dai al disco la forma e la dimensione della torta che vuoi fare.
(Io pensavo di fare una torta tonda, poi ho cambiato idea e dal cerchio ho ricavato il quadrato che ho poi usato).


Bavarese alla nocciola

100 gr di nocciole
125 g di latte
50 g di zucchero
17 g di amido di mais
1 tuorlo
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
330 g di panna montata

Tosta leggermente le nocciole e quando sono raffreddate tritale fino ad ottenere una pasta. All'inizio il tritatutto formerà delle scaglie, poi delle briciole ed infine, continuando a tritare, l'olio naturalmente emesso dalle nocciole amalgamerà il tutto, formando una pasta di nocciole.
Puoi preparare la pasta di nocciole anche il giorno prima e conservarla in frigo.
Per la base della bavarese, monta il tuorlo con circa 30 g di zucchero fino a renderlo soffice, poi aggiungi lo zucchero rimanente e continua a montare. Aggiungi l'amido di mais.
In un pentolino porta a bollore il latte con l'estratto di vaniglia. Quando inizia a bollire, versa la montata di uova e lascia che il latte la ricopra, poi mescola vigorosamente con una frusta e spengi il fuoco.
Lascia che la crema si raffreddi, poi aggiungi la pasta di nocciole ed infine la panna montata, con movimenti dal basso verso l'alto.

PuzzleTortaStep n


Il montaggio si fa partendo dallo strato finale, perché poi la torta verrà rovesciata.
Quindi:
Su una superficie piana, appoggia un foglio di acetato e su questo l'anello o il quadrato che conterrà la torta. Rivesti con acetato anche i bordi.
Riempi un sac a poche con la bavarese alla nocciola e riempi lo stampo con uno strato di crema (questo sarà poi lo strato superiore della torta).
Poni in freezer per 10 minuti.
Nel frattempo taglia il pan di spagna in due fette orizzontali di un paio di cm di spessore e poi ritaglia quello che sarà il prossimo strato della torta, che dovrà essere di mezzo cm più piccolo dello stampo.
Estrai la torta dal freezer, appoggia il pan di spagna e riempi il perimetro esterno con un altro giro di bavarese alla nocciola. In questo modo, il bordo della torta sarà uniforme e lineare.
Forma un altro strato di baverese con il sac a poche e rimetti in freezer per altri 10 minuti.
Alla fine aggiungi la base di disco di cioccolata. Anche in questo caso, lascia un dito di spazio giro giro intorno allo stampo, da riempire con altra bavarese.
(Io me ne sono scordata e come si vede dalle foto, la base della torta mostra una irregolarità dovuta alla mancanza di crema intorno al disco di cereali… mannaggia!)...
Riponi in freezer di nuovo fino a un paio d'ore prima di servire.


TortaQuadro


Glassa a specchio

Prepara la glassa almeno 4 ore prima di servire il dolce, dato che un paio di ore servono per farle raggiungere la temperatura giusta per la colata e altre due ore per poter scongelare la torta in frigo.

175 g di acqua
150 g di panna
225 g di zucchero
75 g di cacao amaro
8 g di colla di pesce

Queste dosi di glassa sono più che abbondanti, ma va considerato che molta viene 'persa' durante la colatura (ma può essere riutilizzata su un'altra torta o al cucchiaio!). Se siete bravi con le glassature, potete farne un 25% in meno.
In un pentolino piuttosto abbondante mescola bene il cacao e lo zucchero, poi versa lentamente l'acqua e la panna filo, mescolando con una frusta. Porta a circa 103-104ºC.
Ci vorranno almeno una ventina di minuti, il liquido inizierà a bollire e a quella temperatura farà delle grandi bolle.
Metti i fogli di colla di pesce in acqua fredda.

PuzzleColataTorta


Lascia che la glassa raggiunga i 50ºC, poi aggiungi la colla di pesce, ben strizzata, e mescola bene fino a scioglierla.
Quando la glassa arriva ai 35°C puoi versarla sulla torta, che avrai tolto dal freezer e poi dallo stampo, rovesciandola su una griglia. Poni la griglia su una ciotola, per raccogliere la glassa, e comincia a rivestire la torta versando la glassa a partire dal bordo, per proseguire lentamente fino a rivestire tutta la superficie e finire nel punto centrale.
Rimetti in frigo e dopo una mezz'oretta decora con i lamponi lavati e lasciati asciugare su un foglio di carta assorbente.

FettaTorta


Questa invece, è la versione di Lenticchia, ideata e realizzata tutta da sola con gli scarti della torta madre…(dato che avevo usato un solo strato del pan di spagna).
o_O
Queste si che son soddisfazioni!

VersioneLenticchia


Purtroppo, dopo aver fatto la torta e averla fatta fuori, mi sono accorta che mancava una foto della fetta tagliata in orizzontale fatta al pan di spagna, prima della farcita.
Beh, ci siamo sacrificati e la settimana dopo ho DOVUTO rifarlo.
Cosa non si fa per la sfida MTC 47!

giovedì 9 aprile 2015

Sane colazioni, e anche merende

English version below
Negli ultimi mesi, per le colazioni/merende/spuntini dei legumini, la produzione casalinga di panini, schiacciate, pizzette e biscotti è aumentata considerevolmente.
Non ne posso più di leggere 'olio di palma', grassi vegetali (non ben specificati), aromi (che se non indicati esplicitamente come 'naturali', sono artificiali/di laboratorio) in qualunque confezione che mi capiti sotto tiro.
In particolare, nel caso del pane morbido per fare i toast, la dicitura 'Trattato con alcool etilico' la dice lunga.
Se una confezione costa meno di un euro, come faccio a 'stare serena'?
Non che voglia per forza spendere di più, sia chiaro, ma i dubbi sulla qualità degli ingredienti sono tanti, uno tra tutti la provenienza della farina.
Insomma, sono in una fase di piena sfiducia rispetto a quello che il mercato propone al consumatore medio, quello che infila roba nel carrello senza troppa attenzione, non legge gli ingredienti e fa uso frequente di piatti pronti.
E quindi io faccio in casa.
Con farina di grani cresciuti nelle colline intorno a Firenze.
Cercando di favorire la produzione locale negli interessi miei e di chi lavora la terra come si dovrebbe.
E così, negli ultimi mesi, questo pan brioche ha fatto la comparsa in casa una settimana sì e una no.
La ricetta proviene da una fonte molto attendibile (Paoletta), ma è stata rielaborata leggermente.
Rispetto alla versione originale, ho sostituito il burro con l'olio di arachidi, ho diminuito le uova e anche il lievito, aumentando un po' i tempi di lievitazione.

L'impasto è molto versatile.
Potete farci i classici panbrioche negli stampi da plumcake, oppure dei panini  oppure sbizzarrirvi nelle forme che più vi piacciono.
Noi la mattina, li tostiamo un attimo e poi ci andiamo pesanti con crema alla nocciola o marmellata, oppure li farciamo con prosciutto o mortadella…

Fetta Panbrioche

PANBRIOCHE SOFFICE ALLO YOGURT

Ingredienti:

500 g farina (250 g manitoba e 250 g di farina 0)
100 g latte e 150 g yogurt (oppure in alternativa 250 g di kefir, latte fermentato)
2 uova
30 g zucchero
60 g olio di arachidi
8 g lievito di birra fresco
10 g sale
latte per pennellare

Per prima cosa, fai un prefermento, sciogliendo il lievito nel latte e unendo 90 g di farina. Mescola con un cucchiaio, copri con pellicola e lascia raddoppiare (circa un'ora e mezzo).
Aggiungi le uova, metà dello zucchero e la farina necessaria per ottenere una massa elastica (incordata). Puoi lavorare a mano o con l'impastatrice. Nel secondo caso, usa il gancio a foglia.
Aggiungi poi lo yogurt, il resto dello zucchero e la farina (dividi le dosi di tutti gli ingredienti in tre parti e aggiungile gradualmente, aspettando che vengano assorbite prima di passare alla dose successiva).
Alla fine unisci il sale e per ultimo l'olio di arachide, a filo.
Continua ad impastare fino ad ottenere un impasto lucido ed elastico.
Copri con pellicola e porta al raddoppio, tenendolo in un luogo calduccio. Ci vorranno un paio di ore.
Infarina il piano d'appoggio, rovescia l'impasto e piega dando all'impasto la forma di palla, riportando il bordo verso il centro e ripetendo il movimento giro giro (sono le pieghe del secondo tipo).
Copri con una ciotola rovesciata (a campana) e dopo una mezz'oretta dividi in pezzi e forma a tuo piacere.
Con queste dosi puoi riempire un paio di forme da plumcake, per ottenere il classico panbrioche da tagliare a fette e tostare, oppure puoi formare 17-18 panini da 50 gr, oppure procedi come preferisci.
Spennella la superficie con il latte, eventualmente aggiungi i semini, copri di nuovo con pellicola e fai raddoppiare di nuovo (ancora un paio d'ore).
Cuoci a 180° per circa mezz'ora nel caso dei plumcake oppure 20 minuti per i panini.
Per mantenersi morbidi, non esagerare con la cottura!


PanBrioche a colazione



E così anche questo mese partecipo alla raccolta mensile ideata da Barbara e da Sandra, ospitata da Terry.

finale di stagione
English version

SOFT YOGURT BRIOCHE
(make two loaf or 18 buns)

Ingredients:

500 g flour (250 g strong flour and 250 g all purpose flour)
100 g milk and 150 g yogurt (or 250 g kefir, that is fermented milk)
2 eggs
30 g sugar
60 g peanut butter
8 g fresh yeast
10 g salt
milk for brushing

In a small bowl, dissolve yeast un milk. Add 90 g of strong flour amd mix well with a spoon. Cover with cling film and wait for about one hour andf half: the time needed to have the batter double in size.
Then, add the eggs, half of the sugar and the remaining mix of flour, just the amount you need to get an elastic dough.
You can knead by hand or using an elctric machine. In the latter case, fit the machine with the paddle attachment.
Add gradually the yogurt, remaining sugar and flour. The best would be to insert them in three steps, waiting for the ingredients to be absorbed before adding the next.
Salt and oil should be added at the end of the process. Remember to add the oil little by little: in this way the dough won't collpase.
Knead until you get a smooth and elastic dough.
Cover with cling film and let the dough rise. You will need about a couple of hours to have it doubled in size.
Turn the dough on a floured surface and give it a ball shape: take a point on the edge and pull it towards the center, repeat with the point beside on the edge and go on until you have completed a turn.
Cover with an overturned bowl. Half an hour later cut the dough and shape it as you like. at least two pieces to fill two cake molds or shape as you like.
With these quantities you can fill two cake molds to get the classic loaf you then slice and toast, or you can shape about 17-18 buns 50 grams each.
Brusch the surface with milk, then eventually sprinkle with seeds, cover again with cling film and let it double in size (about a couple of hours).
Bake at 180C/for about half an hour if you make loafs or 20 minutes for buns.
Take out of the oven as soon as they get golden brown to have them soft!


PanBrioche