martedì 17 novembre 2015

Incontri alla Leopolda

Metaponto 2013 - Firenze 2015
Erano esattamente due anni che aspettavo questo evento.
Da quando, grazie al contest Io Chef, ebbi l'occasione di visitare la Basilicata insieme a molti Chef Italiani e di partecipare alle ultime fasi del congresso nazionale della Federazione Italiana Cuochi, che si era svolto proprio a Metaponto.

La settimana scorsa, alla stazione Leopolda di Firenze, si è tenuto il nuovo congresso nazionale, il cui testimone era stato consegnato all'Unione Cuochi Toscani proprio dall'Unione Cuochi Lucani, in quelle circostanze.

Il titolo della conferenza è stato: Cuoco 3.0: visioni, valori, vantaggi.
Dal WWW al VVV quindi!
Come spiegato da Rocco Pozzulo, il nuovo Presidente della Federazione Italiana Cuochi, le tre V hanno molti significati:
  • V come Valori: prima di tutto sociali, perché il cuoco ha delle responsabilità nei confronti del consumatore, ma anche verso i produttori di materie prime. Valore anche promozionale, perché il cuoco può far conoscere un territorio attraverso i piatti e le sue eccellenze. Valore infine gustativo, perché non ci dimentichiamo che dobbiamo creare emozioni nelle persone.
  • V come Vantaggi. Vantaggi economici per tutta una filiera che va oltre quella dell’agroalimentare e vantaggi sociali, perché creiamo posti di lavoro e opportunità anche per i più giovani, in un momento in cui ce n’è bisogno.
  • V come Visioni, quelle che stimolano ogni giorno la creatività mossa dalla professionalità dei cuochi di oggi, che guardano a ieri pensando a domani. E’ per questo che abbiamo deciso di aprire il Congresso per la prima volta a tutti, non solo agli addetti ai lavori, perché è il momento di uscire dalla cucina del ristorante e prendere per mano il consumatore accompagnandolo a conoscere la passione e insieme la complessità della nostra professione.
Ospite del congresso è stata anche l'Associazione Italiana Food Blogger, che è stata rappresentata da Annamaria Pellegrino, in qualità di Presidente, e che ha illustrato i principi, gli interessi e la passione che sono alla base dell'associazione e che potranno essere valorizzati e ampliati grazie alla prossima importante collaborazione proprio con la FIC.

La manifestazione, oltre al susseguirsi di interventi di grandi chef italiani e internazionali, è stata arricchita da una mostra mercato di prodotti tipici del territorio toscano (in particolare olio, vino, formaggi e salumi) e con uno spazio dedicato ai prodotti lucani (vi ricordate Terravecchia e il suo ficotto e Mangiare Matera con il suo pane e la sua semola Senatore Cappelli, che avevano organizzato due contest a cui avevo partecipato?), per valorizzare il passaggio del testimone tra le due regioni e per ricordare la terra d'origine di Rocco Pozzulo, già  Presidente dell'Unione Cuochi di Potenza.

FIC
Miele, olio extravergine di oliva, formaggio: dalla Toscana

FIC
Pane e panforte: prodotti toscani

FICpuzzle3
Ficotto e Pane di Matera: prodotti lucani

FICpuzzle4
I cuochi, il presidente (sempre in movimento) e volti amici

In concomitanza con il Congresso, la Leopolda ha ospitato anche l'evento Food and Wine in Progress, durante il quale 200 sommelier dell'AIS, i barman dell'associazione I.B.S e oltre 150 produttori vitivinicoli toscani messi insieme nelle Eccellenze Toscana hanno avvicinato il pubblico al mondo del buon bere.

L'iniziativa è stata molto interessante, soprattutto per me, che sebbene sia appassionata di cucina, non ho molte competenze nel settore. E così ho partecipato con molto entusiasmo ad una lezione introduttiva (e pratica) alla conoscenza delle caratteristiche di 4 diverse tipologie di vino: spumante, bianco, rosé e rosso, tenute da un sommelier di AIS, che ci ha guidati con ironia e competenza in questo fantastico viaggio sensoriale.
E per finire la serata in bellezza, ci ha anche trascinato in un percorso di assaggi alla scoperta di vitigni francesi coltivati in Toscana, cercando di farci percepire i gusti, i profumi e le varie peculiarità di 4 vini rossi.
Ci credete che, non avendo nemmeno pranzato, dopo l'assaggio di 8 vini sono riuscita a tornare a casa completamente sobria? Anche questa, è la magia del vino fatto bene e con passione!

FIC puzzleWine
La degustazione AIS

1 commento:

  1. Si fa un gran parlare di tutto quel che rientra nella categoria food. Poi però ci sono questi convegni con cuochi, magari lontani dalle copertine patinate e dagli studi televisivi che "fanno la cucina". Di certo non sono una che se ne intende, ma apprezzo ampiamente.
    Un abbraccio,
    V.

    RispondiElimina