mercoledì 24 luglio 2013

Le amarene al sole

English version below

Dire che si tratta di ricetta, forse, è esagerato.
Vediamo se indovinate:
Bastano due-tre ingredienti, ma di quelli buoni, un po' di pazienza e poi basta aspettare.
Non c'è cottura e non c'è inganno.
Si fa da sole e con il sole!

Cos'è?

Amarene

L'ingrediente principale aspettava il suo momento di gloria, ormai da anni.
In campagna, nell'orto della mamma, l'albero di amarene è sempre stato snobbato.
Tutti preferivano fare la corte al ciliegio.
Il mio babbo, che invece apprezza il dolce-aspro racchiuso in queste palline rosse, è stato l'unico fino ad ora a spelluzzicare dai rami, anche solo per dissetarsi un po'.
Ma quest'anno, una mattina, mi sono decisa. Armati di cestini, insieme al babbo, siamo andati a trovare l'amareno e lo abbiamo un po' alleggerito dal peso dei tanti frutti che quest'anno ci ha regalato.

PuzzleRaccoltaAmarene


La poesia, dopo le foto bucoliche, gli assaggi direttamente sotto le fronde e il ritorno a casa, è terminata al momento dell'operazione di snocciolamento.
Una amarena alla volta.
1 kilo e mezzo di amarene.
Quante saranno state? Non so, ma tante.
Avremmo potuto proporre un quiz a premi, come faceva la Raffaella nazionale con il barattolo di fagioli.

Amarene on the go



Fatto sta che mi ci è voluta un'oretta...
Dopodichè niente più.
Al resto ci pensa il sole.

Amarene al sole

La preparazione di queste amarene sciroppate viene direttamente da Antonia (appassionata pasticcera e cuoca che sforna delizie napoletane ineguagliabili), la stessa Antonia delle zeppole, vi ricordate?

Amarene sciroppate

1 kilo di amarene (per me 1 kilo e mezzo, tanto per gradire)
700 gr di zucchero (per me 1 kilo)
alcool per liquori

Snocciola le amarene (con santa pazienza), coprile con lo zucchero e mettile al sole per 7-10 giorni, magari coperte con uno di quegli ombrellini di rete per proteggere le pietanze dagli insetti, e con un cucchiaio rigira di tanto in tanto lo zucchero che poco a poco diventerà uno sciroppo.
Ricordati di riporle in casa al tramonto e rimetterle al sole la mattina.
Trascorso questo tempo, travasale in vasetti sterilizzati e versa un cucchiaio di alcool in ogni vasetto.
(La quantità di zucchero non richiede che il vasetto venga sterilizzato anche dopo).

Ah, mi dimenticavo....In bocca al lupo con il clima!
L'accudimento delle amarene al sole è stato affidato alla mia mamma, che perfettamente calata nel ruolo di tutore, per 10 giorni non ha fatto altro che controllare l'arrivo di nuvoloni minacciosi e fare avanti e indietro tra casa e fuori, per non far bagnare la preziosa ciotola...!

PS.
E ora che ho le amarene, come mi consigliate di usarle?
Io avrei in mente una bella torta foresta nera per il prossimo inverno.
Altre idee?

Amarene sciroppate


English version

This year the black cherry tree near where my mum lives in the summer months had a so many little red cherries that I couldn't leave them alone on the branches.
One morning, with my dad, we had our visit to the tree and came back home with a basket full of these red and bitter sweet red pearls.
The recipe here is not properly a recipe, as after pitting the cherries, the hard work is done.
Then it's up to the sun to turn them into a mouthwatering ingredient for future experimentation!

Amarene


Black cherries in syrup
1 kilo of black cherries
700 grams of sugar
alcohol

Remove pits form cherries, one at a time. You'll need great patience and endurance, but then you'll have finished the hard work.
Add the sugar and leave in a sunny place for at least 7-10 days. Remember to gently mix with a spoon black cherries once a while. Every night put the cherries in and bring them out the morning.
After ten days, pour in sterilized jar and cover with a tablespoon of alcohol.
That's all.

Now, I'm wondering how to use them.
I think next winter I could have a Black Forrest gateaux, in a rainy sunday...
Any other suggestion?

:-)

Amarene sciroppate

13 commenti:

  1. i would just put them on vanilla ice cream! they look wonderful!

    RispondiElimina
  2. Hi Dina and welcome here!
    Yes, I definitely think it could be a brilliant idea, and I shouldn't have to wait until next winter!!
    thanks!

    RispondiElimina
  3. Ciao, che buone le amarene sotto spirito! Io ti consiglio di usarle per guarnire una bella coppa di gelato! Un abbraccio
    paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, ne terrò di conto!
      grazie :-)

      Elimina
  4. che leccornia queste amarene!
    saluti Su

    RispondiElimina
  5. Che coincidenza, anche io oggi pubblico le amarene sotto spirito! Il mio procedimento è diverso, e le mie foto decisamente meno poetiche delle tue!
    Come usarle? Beh, per questo ho la soluzione! Una freschissima bevanda estiva: nel bicchiere un pò di amarene con il loro sciroppo, allungate con della sprite! Sapori della mia infanzia!!!
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considerando che di alcool ce 'è poco, penso che la bevanda, diluita in mooolta acqua potrei provare a farla assaggiare anche ai legumini!
      ;-)
      grazie e ciao!

      Elimina
  6. Che ricordi di quando ero bambina e la zia R. ci portava a raccogliere le amarene!
    La mia mamma le trasformava in marmellata e io avevo il compito di snocciolarle: molto più facile che snocciolare le ciliege!
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marmellata... e pensare che non ci avevo pensato!!
      Sì, è vero, le amarene si snocciolano meglio delle ciliegie, ma che faticaccia!!
      :-)

      Elimina
  7. Wow.. Che bontà le amarene, un peccato snobbarle per le ciliegie..
    Avete fatto bene tu e il tuo papà a rendere loro giustizia!! u.u

    p.s. Ti seguo molto volentieri!
    IMPOSSIBILE FERMARE I BATTITI

    RispondiElimina
  8. Peccato che tu non abbia utilizzato i semi per un delizioso liquore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giusi!
      Il tempo delle amarene, da queste parti, deve ancora arrivare. Racconta un po' di questo liquore.. magari riesco a farlo anche io, quest'anno!

      Elimina