giovedì 26 luglio 2012

Arancio da bere

In questo periodo, la voglia di cucinare è ai minimi storici, causa di tutta una serie di personaggi storici e mitologici.
Vi fa venire in mente niente: Caronte, Minosse, Scipione e company?
Ad eccezione di un giorno di insperata tregua. Alle cui avvisaglie mi sono attrezzata, dopo mesi di astinenza da forno spento, ad impastare la pizza addirittura la mattina prima di andare in ufficio... Sarà normale o sono parecchio malata?
Insomma, in questo momento, ciò che più cerco è qualcosa di fresco e che si prepari senza fornelli accesi.
E così, ho preparato questo frullato di frutta, che ora va tanto di moda chiamare smoothie.


pescamelonabasilico


Ma non potevo preparare un frullato normale, no?
E così ho trovato questo abbinamento profumato, che è piaciuto a tutti, legumini compresi:
2 pesche gialle
metà melone
2 cucchiaini di miele (opzionali)
una manciata di foglie di basilico fresco

Si taglia la frutta a pezzi, si mette nel bicchierone del mixer insieme al basilico e con il frullatore ad immersione si riduce in purea. Ho addolcito con un po' di miele (ma potete evitare) e servito con un po' di ghiaccio.

Buona merenda!

mercoledì 18 luglio 2012

Tutti i colori del te'

L'ho scoperto un pomeriggio di gennaio, quando era un bel frescolino, a casa di un'amica che aveva organizzato un ritrovo all'ora del tè.
Ho scoperto che oltre al tè verde, al tè nero e al tè bianco, si beve anche il tè rosso!
In realtà non si tratta di un vero e proprio tè, perchè è ottenuto da un arbusto di origine africana: l'Aspalathus linearis, che viene comunemente chiamato roiboos (si legge qualcosa tipo roibush), cioè la versione afrikaans di 'red bush' - cespuglio rosso. 
Ha un sapore fruttato e dolce, piacevole da gustare anche senza ulteriori aggiunte di zucchero,
ed è molto buono sia caldo (come l'ho assaggiato a gennaio) che freddo (nella versione estiva).
E' una bevanda dissetante, priva di caffeina e ricca di sali minerali! 
Addirittura, come diceva la mia amica, in caso di disidratazione l'ospedale pediatrico lo consiglia come aiuto  per i bambini che hanno bisogno di reintegrare i sali minerali!

Roiboos tea

Cosa di più adatto, quindi, per rinfrescare e reintegrare l'organismo in queste giornate di caldo?

Incuriosita da un articolo che lessi molto tempo fa, ho voluto provare a usare la tecnica dell'infusione a freddo. Con il caldo che c'è stato da queste parti, anche solo l'idea di accendere il bollitore per qualche minuto, mi faceva sudare...
E così, ho preparato il tè freddo da freddo!



In una bottiglia da 750ml si mettono 3 cucchiaini di roiboos, si tappa la bottiglia, si lascia riposare un giorno in frigorifero ed il gioco è fatto.
Si filtra al momento dell'uso e si gusta con gli occhi chiusi!

Volendo si può addolcire con un po' di miele o di zucchero.

Roiboos tea

PS. Il roiboos si trova nei negozi di prodotti biologici, nelle erboristerie o nei negozi specializzati in tè.
Io mi sono rifornita nel negozio del biologico ed ho preso un infuso misto di roiboos e lemongrass.

martedì 10 luglio 2012

Very glamorous tonno cipolle & fagioli

Dei covrigi (non me ne voglia la mia amica Tatiana) non se ne può più, vero?
E' passato un tempo infinito dall'ultima volta che mi sono affacciata da queste parti e pure un tempo infinito dall'ultima volta che ho sbirciato nella casa virtuale delle mie (e dei miei) compagne/i di 'merenda' ;-)
Ci sono sempre, solo un po' più indaffarata del solito nel mondo reale.
I muratori ci hanno fatto visita di nuovo.
E' stato un periodo in cui continuavo a vedere gesso e pensare a come trasformarlo in torta.
A vedere fili della corrente e pensare se arrotolarli come la liquirizia...
Mi sembra di essere un po' la Pina di Fantozzi, che nascondeva il pane dappertutto, chè aveva un debole per il fornaio! Anche se di muratori ora non ne posso proprio più (e nemmeno di idraulici, elettricisti e falegnami), mi sa che se non ho un rappresentante di queste categorie in casa ogni 2 anni, sto male.
:-)
Ma ormai si vede la luce alla fine del tunnel...e così spero di ricominciare la vecchia vita...

Ne è passata di acqua sotto i ponti, in questi mesi ...e sarebbero tante le cose da raccontare.

Una per tutte è questo fazzolettino colorato, che in realtà sarebbe un tovagliolo, che in realtà sarebbe il ricordo di un abito da damigella di un matrimonio nord europeo, che racchiude in 20 cm per 20 amicizia, viaggi e scoperte. Grazie Sam!

Tonno e fagioli?!?!

E in questo caso, rende molto chic un piatto che per gli ingredienti si avvicinerebbe di più allo stile di Bud Spencer e Terence Hill... 
Ma solo per gli ingredienti, perchè questa è una versione estiva: fresca e nutriente al tempo stesso.
Si consuma fredda di frigo e basta da sola a farsi una cenetta, magari in dosi un po' più generose di quelle della foto :-)


Le quantità sono indicative, quel che conta è l'idea per questo:
Very glamorous tonno cipolle & fagioli

Fagioli secchi (un pugno abbondante a testa), lasciati in ammollo per mezza giornata.
Tonno al naturale
Cipollina di Tropea
Olio e sale

Per non soffrire troppo il caldo, ho cotto i fagioli la sera prima, quando era ormai calato il sole e la calura si era un po' (poco) placata. Ho usato la pentola a pressione per diminuire il tempo di cottura.
Ho passato i fagioli e li ho lasciati riposare e raffreddare.
La mattina dopo li ho trasferiti in frigo.
La sera della cena ho preparato le porzioni, suddividendo la purea di fagioli in ciotoline, ho aggiunto il tonno e la cipolla tagliata a dadini. Ho condito di olio e sale e ho servito FRESCO!